Si consolida la collaborazione con il BISLMV di Pechino per ricerche comuni sui veicoli spaziali

29 October 2018
26
VIEW

Firmato un accordo quadro che estende le tematiche di ricerca comune ad altri settori dell’ingegneria

Alla presenza di una folta delegazione cinese è stato firmato un accordo quadro tra l’Università di Pisa e l’Institute of Space Long March Vehicle di Pechino (BISLMV), parte del China Aerospace Science and Technology Corporation. L’accordo segue l’istituzione avvenuta lo scorso anno di un laboratorio congiunto, il Sino-Italian Information Engineering (SIIE), tra il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione e lo stesso istituto cinese.

L’accordo è stato firmato dal rettore, Paolo Mancarella, e dal direttore dell’Istituto cinese, professor Gang Meng, alla presenza del prorettore alla cooperazione e relazioni internazionali, Francesco Marcelloni, oltre che dei direttori dei tre dipartimenti afferenti alla scuola di ingegneria e del preside della scuola, Alberto Landi. L’accordo prevede l’ampliamento della collaborazione alle tematiche più innovative dell’ingegneria svolte presso l’Ateneo pisano e riguarderà la meccanica, la robotica, il settore aerospaziale oltre ai temi già avviati e in corso, ossia elettromagnetismo applicato e telecomunicazioni.

_DSC5468.jpeg

Il docente responsabile del coordinamento delle attività per la parte italiana è il professor Agostino Monorchio, che si è fatto promotore della collaborazione: “L’accordo è il risultato di una collaborazione con il BISLMV, avviata già da diversi anni, in occasione di diverse visite a Pechino durante le quali sia io che i miei collaboratori abbiamo tenuto dei seminari avanzati sui temi di elettromagnetismo applicato, in particolare su materiali artificiali con importanti proprietà elettromagnetiche e superfici “intelligenti” per antenne innovative. L’accordo di oggi segue la formalizzazione avvenuta lo scorso anno del laboratorio congiunto Sino-Italian Information Engineering (SIIE), già pienamente operativo le cui attività si stanno concentrando proprio sullo sviluppo di superfici intelligenti (metasurfaces) per applicazioni spaziali”.

_DSC5466.jpeg

“L’intesa siglata permetterà di estendere a tutti i nostri ricercatori la possibilità di aprire ulteriori filoni di ricerca applicata con l’Istituto cinese – continua Monorchio – i cui interessi scientifici sono evidentemente trasversali e ricadono nei settori più ampi della sola Information and Communication Technology quali la meccanica, la robotica, i sistemi di propulsione, e non solo. L’accordo quadro permetterà, oltre alla possibilità di svolgere attività di ricerca congiunta finanziate dallo stesso Istituto, anche di partecipare a bandi competitivi sia cinesi che europei, nei quali è sempre più importante dimostrare una solida partnership tra enti proponenti. Il mio auspicio è che altri miei colleghi possano approfittare di questa nuova opportunità”.

La delegazione cinese è impegnata in questi giorni proprio ad approfondire e individuare eventuali temi di ricerca e attività comuni, effettuando una serie di visite ai laboratori dei dipartimenti di ingegneria e partecipando a seminari organizzati e presentati dai direttori dei dipartimenti coinvolti, Giuseppe AnastasiLeonardo Tognotti e Umberto Desideri, e dai ricercatori e docenti i cui argomenti di ricerca sono più vicini alle tematiche spaziali.

*********
Il Beijing Institute of Long March Vehicle (BISLMV) è stato fondato nel 1971, ed è parte del China Aereospace Science and Technology Corporation (CASC). Costituito da più di 600 membri, l’Istituto si occupa di sviluppo di veicoli spaziali, impiego di rilevatori spaziali, meccatronica e tecnologie dell’Informazione. Al suo interno sono attivi corsi di dottorato e linee di ricerca post dottorato. IL BISLMV è anche sede dei laboratori nazionali di Scienza e tecnologia e di Matematica numerica.