BRIGHT 2018, Le innovazioni dei CrossLab alle Logge dei Banchi e un aperitivo della Ricerca sulle Alternative alla Sperimentazione Animale

28 September 2018
303
VIEW

Il prossimo 28 settembre, in occasione della Notte dei Ricercatori-Bright2018, il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione presenterà i laboratori del progetto CrossLab, le innovazioni nella ricerca orientata a Industria 4.0, mentre un Aperitivo della Ricerca, condotto da Giuseppe Barillaro, sarà dedicato alle ultime ricerche sulle alternative alla sperimentazione animale.

Industria 4.0 sbarca a BRIGHT. Il prossimo 28 settembre, in occasione della Notte Europea dei Ricercatori, Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa presenterà il progetto CrossLab, finanziato dal MIUR con 10 milioni di euro e che punta a costruire la via italiana alla prossima rivoluzione industriale cercando di creare un ponte tra ricerca e impresa. 

Alle Logge dei Banchi a partire dalle 16.00 tante attività per comprendere come cambierà il modo di lavorare e di produrre nel prossimo futuro, dall’Internet of Things  alla sensoristica, fino ad arrivare alla realtà aumentata e all’elettronica a due dimensioni.  

In piazza per la manifestazione alcune delle ricerche che costituiranno le tecnologie chiave della fabbrica del futuro, dall’Internet of Things  alla sensoristica, fino ad arrivare alla realtà aumentata e all’elettronica a due dimensioni. ricerca all’avanguardia e pronte per essere usate dalle imprese per innovare.

Si parlerà anche di sperimentazione animale in un aperitivo della ricerca, dal titolo  "Organs-on-Chip: Le microtecnologie offrono un’alternativa alla sperimentazione animale", che si svolgerà al Casino dei Nobili alle 17.00 (Borgo Stretto, 11).

 

Le ricerche presenti allo stand:

 

Internet delle Cose: nella nuova industria tutti gli oggetti saranno tra di loro interconnessi. Nell’’area progettazione dello stand del Dipartimento, le persone potranno sperimentare come ‘mettere in rete’ tra di loro dispositivi diversi tramite wi-fi. L’attività prevede la progettazione, costruzione e programmazione di robot-lego connessi tra di loro. Sempre nell’ambito dell’internet delle cose, i ricercatori di ingegneria mostreranno come si progetta un circuito di pochi nanometri e illustrando con esempi di circuiti integrati e schede elettroniche, l’importanza della microelettronica per la nuova industria.

Sensori indossabili potranno essere provati dai visitatori dello stand per monitorare i parametri della camminata, le cui caratteristiche verranno visualizzate su uno schermo. Questo tipo di applicazioni si rivelano di fondamentale importanza in ambito medico, sia nella diagnosi precoce di malattie come il Parkinson, sia nella riabilitazione. Interessante il loro utilizzo in campo industriale per monitorare, per esempio, il logoramento fisico causato da lavori particolarmente usuranti. In collaborazione con il Centro di ricerca dell'Università di Pisa “E.Piaggio”, verranno presentati inoltre dispositivi per il monitoraggio dei segnali biometrici (battito cardiaco, movimento oculare), che possono essere tradotti in stati emotivi.

 

La Realtà Aumentata sarà sempre più presente all'interno della fabbrica del futuro. In collaborazione con il Centro di ricerca dell'Università di Pisa “E.Piaggio”, verranno presentati dispositivi aptici per la realtà virtuale, una tecnologia indispensabile per la progettazione smart.

 

L'

Additive Manufacturing per prodotti innovativi ed etichette intelligenti
Verrà mostrata in azione una stampante 3D, che in industria 4.0 può essere usata per la prototipazione rapida.

La nuova realtà di fabbrica sarà tutta “etichettata” in modo smart: per connettere le cose tra di loro, infatti, tutti gli oggetti dovranno essere “sensorizzate” per la ricezione e la trasmissione delle informazioni. Le etichette, o tag, diventeranno sempre più intelligenti e funzionali, grazie alla loro caratteristica di identificazione senza contatto, diverso da altre tecniche di identificazione, come il codice a barre che necessita di uno scanner apposito per la lettura delle informazioni. Con la tecnologia Rfid basta un semplice passaggio e nessun contatto tra gli oggetti per poter raggiungere le informazioni contenute in essi. Allo stand verrà presentata l’ultima generazione di etichette intelligenti, sviluppati nell’ambito del progetto europeo EMERGENT. Si tratta di etichette senza chip nè alcun circuito elettronico, ma che sono semplicemente stampate con una comune stampante e inchiostro conduttivo, e utilizzano la proprietà di risonanza delle strutture metalliche per la codifica dell’informazione.

 

Advanced Manufacturing e la nuova robotica
Per il CrossLab che si occupa della nuova robotica al servizio di Industria 4.0, i ricercatori mostreranno gli avanzamenti della SoftHand, la mano robotica sviluppata  Dal Centro Piaggio e dall'IIT, e usata all’interno del progetto europeo ILIAD per lo sviluppo di un sistema composto da due bracci robotici, un manipolatore e un gripper con tappeto rotante, che serve per la gestione smart di grandi magazzini.