Il DII a Bright: In piazza ci sarà il portiere-robot

27 Settembre 2019
488
VIEW

Anche quest'anno, il DII sarà presente con uno stand a BRIGHT, la Notte dei Ricercatori, in programma il prossimo 27 Settembre

Ospite d'eccezione il portiere elettronico El.Go (Electronic GoalKeeper).

El.Go. è un sistema costituito da una sagoma di forma umana e da un sistema a "carrello" che permette a questa di scorrere lungo la linea di porta, emulando l’azione di un portiere umano. Il portiere può essere pilotato tramite joystick da persone con disabilità motorie e cognitive lievi, che siedono alle spalle della porta, in modo da avere la stessa prospettiva di un portiere. El.Go. agisce come una sorta di avatar, permettendo di giocare effettivamente la partita con la squadra.

Durante la notte dei ricercatori, sarà possibile provare a pilotare il portiere, ma anche a tirare un rigore.

El.Go sarà in piazza XX settembre dalle ore 15.30 alle ore 19.30

 

 

 

Presso lo stand del DII sotto le Logge dei Banchi i nostri ricercatori faranno conoscere diversi progetti portati avanti al Dipartimento, in particolare connessi a progetto CrossLab, finanziato dal MIUR con 10 milioni di euro e che punta a costruire la via italiana alla prossima rivoluzione industriale cercando di creare un ponte tra ricerca e impresa. 

A partire dalle 15.30 tante attività per comprendere come cambierà il modo di lavorare e di produrre nel prossimo futuro, dall’Internet of Things  alla sensoristica, fino ad arrivare alla realtà aumentata e alla robotica.  

 

Le ricerche presenti allo stand:

 

Internet delle Cose: nella nuova industria tutti gli oggetti saranno tra di loro interconnessi. Nell’’area progettazione dello stand del Dipartimento, le persone potranno sperimentare come ‘mettere in rete’ tra di loro dispositivi diversi tramite wi-fi. L’attività prevede la progettazione, costruzione e programmazione di robot-lego connessi tra di loro. Sempre nell’ambito dell’internet delle cose, i ricercatori di ingegneria mostreranno come si progetta un circuito di pochi nanometri e illustrando con esempi di circuiti integrati e schede elettroniche, l’importanza della microelettronica per la nuova industria.

Dispositivi stampati in grafene su supporti flessibili come la carta, in grado di rilevare piccole variazioni di pressione. Questo tipo di dispositivo trova un ampio spettro di applicazioni, tra cui quello biomedico o quello di sistemi aptici.

Calzature sensorizzate potranno essere provati dai visitatori dello stand per monitorare i parametri della camminata, le cui caratteristiche verranno visualizzate su uno smartphone. Questo tipo di applicazioni si rivelano di fondamentale importanza in ambito medico, sia nella diagnosi precoce di malattie come il Parkinson, sia nella riabilitazione. Interessante il loro utilizzo in campo industriale per monitorare, per esempio, il logoramento fisico causato da lavori particolarmente usuranti.  

 

La Realtà Aumentata sarà sempre più presente all'interno della fabbrica del futuro. Il progetto Vostars ha progettato un nuovo visore indossabile per la realtà aumentata che guida il chirurgo durante l'operazione. Ilprogetto ha l'ambizione di mettere a punto un nuovo paradigma per la realizzazione di visori per realtà aumentata, in grado aggiungere alla visione del mondo reale semplici elementi virtuali (modelli, icone o testi) mantenendo un perfetto allineamento reale/virtuale senza la necessità di alcuna calibrazione. Allo stand sarà possibile provare il visore, e sperimentare la doppia visione reale/virtuale. La stessa tecnologia può essere usata i industria 4.0 in attivitàdi progettazione e monitoraggio.

 
 
 
Additive Manufacturing per prodotti innovativi 
Verrà mostrata in azione una stampante 3D, che in industria 4.0 può essere usata per la prototipazione rapida.

 

L'

 

Advanced Manufacturing e la nuova robotica
Per il CrossLab che si occupa della nuova robotica al servizio di Industria 4.0, i ricercatori mostreranno un sistema composto da due bracci robotici, un manipolatore e un gripper con tappeto rotante, che serve per la gestione smart di grandi magazzini. Il braccio  dimostrerà l'interazione sicura tra uomo e robot e la capacità di sobbarcarsi compiti che per l’uomo sono logoranti, come lo spostamento di carichi pesanti