Visita al DII del sottosegretario all'istruzione Lorenzo Fioramonti

Il sottosegretario all’Istruzione Lorenzo Fioramonti ha visitato oggi oggi il Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione dell'Università di Pisa, e ha avutol’occasione di incontrare alcune eccellenze dell’Ateneo.

 

In mattinata ha infatti partecipato all’ERC special day, una giornata organizzata nell’ambito della Summer School “Enabling Technologies for the Internet of Things”, con protagonisti cinque ricercatori dell'Università di Pisa che hanno presentato le ricerche di frontiera che sono valse loro il prestigioso riconoscimento dell’European Research Council. Ai circa trenta studenti della Summer School presenti, provenienti da tre continenti, ha ribadito l'importanza per chi si occupa di scienza e tecnologia di avere un quadro ampio e consapevole delle ricadute che la propria ricerca può avere su società e ambiente. "provenendo da studi sociali ed economici  -ha affermato- mi ha sempre interessato molto la tecnologia in termini delle sue potenzialità di cambiare in meglio la società in cui viviamo".

Da sinistra, Francesco Marcelloni, prorettore alla cooperazione e relazioni internazionali, Sergio Saponara, professore di elettronica al DII e coordinatore della Summer School, Il sottosegretario MIUR Lorenzo Fioramonti, Giuseppe Anastasi, Direttore del dipartimento di Ingegneria dell’Informazione.

 

La visita è poi proseguita al DII, dove il sottosegretario è stato accolto dalla prorettrice vicaria Nicoletta De Francesco e dal direttore Giuseppe Anastasi, che ha presentato Crosslab, il progetto di sviluppo integrato finanziato dal MIUR con dieci milioni di euro che punta a unire in sei laboratori interdisciplinari ricerca e imprese, aprendo la strada alle innovazioni necessarie per realizzare il piano Industria 4.0.

Il sottosegretario ha sottolineato la necessità di investimenti in innovazione e ricerca, includendo anche collaborazioni anche al di fuori delle Università. In questo senso, ha sottolineato come CrossLab rappresenti un esempio di percorso virtuoso, perché unisce in laboratori industrie e ricerca accademica.

"La ricerca in Italia è eccellente - ha proseguito - L’Italia è solo al ventisettesimo posto per investimenti nell’Università, ma all’ottavo come pubblicazioni d’impatto. È quindi necessario investire di più, e puntare a incentivare il trasferimento tecnologico".

Un momento dell'incontro del sottosegretario con i docenti e i ricercatori del DII

Da sinistra la Prorettrice Vicaria Nicoletta De Francesco, il sottosegretario Lorenzo Fioramonti e il Direttore del DII Giuseppe Anastasi